E’ entrata in funzione oggi ‘Lavanderia di Papa Francesco’. “Si tratta di un servizio offerto gratuitamente alle persone più povere, in particolare a quelle senza fissa dimora, che potranno cosi lavare, asciugare e stirare i propri indumenti e coperte”, spiega una nota dell’Elemosineria Pontificia che ricorda: “L’iniziativa è nata dall’invito del Santo Padre a dare concretezza all’esperienza di grazia del Giubileo della Misericordia”.

La lavanderia del Papa è collocata all’interno del centro ‘Genti di Pace’ della Comunità Sant’Egidio presso l’antico complesso ospedaliero del San Gallicano, nel rione romano di Trastevere. Saranno i volontari dell’associazione a gestire la Lavanderia del Papa, insieme agli altri servizi già attivi di accoglienza e assistenza alle persone più povere, ai quali si aggiungeranno nei prossimi mesi anche le docce, la barberia, un guardaroba, gli ambulatori medici e la distribuzione di generi di prima necessità.

Nei locali sono presenti sei lavatrici e sei asciugatrici di ultima generazione, con i ferri da stiro: tutto donato dalla multinazionale Whirlpool. A condividere e coordinare questo progetto è stato il gruppo Procter & Gamble, che già da due anni dona rasoi e schiuma da barba Gillette alla ‘barberia per i poveri’ del Colonnato di San Pietro e che ha assicurato la fornitura completa e gratuita di detergenti Dash e Lenor per il bucato.

“Il dono al Papa di questa lavanderia per i clochard romani rientra in un quadro più ampio di nostri interventi a livello sociale – ricorda all’AdnKronos Karim Bruneo, responsabile per i programmi e le iniziative sociali del gruppo Whirlpool – Abbiamo risposto all’appello attraverso l’Elemosineria Pontificia, donando sei lavatrici e sei asciugatrici. Ma è solo l’ultima delle iniziative in ordine di tempo, prese anche con la Croce Rossa e con il dipartimento della Protezione Civile”.

Infatti, l’iniziativa presa con il Vaticano “rientra nel nostro modello di responsabilità sociale che, oltre a garantire servizi e soluzioni nell’ambito domestico a supporto di famiglie e persone svantaggiate, si concentra su iniziative legate anche al mondo dell’alimentazione, dell’accesso al cibo e della sicurezza alimentare, della promozione di un consumo responsabile, di progetti educativi in collaborazione con le scuole sulla lotta allo spreco. Un tema su cui Papa Francesco è molto sensibile”.

Fonte: adk